Quotidiano Giovani - Tutta un'altra storia

Logo del Quotidiano Giovani
Scelti per voi
Immagine dell'articolo

Bus di ragazzi in gita in fiamme sulla A4: 16 morti

Immagine dell'articolo

Almeno 16 persone sarebbero morte nell'incendio di un bus ungherese che ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone vicino a Verona.

Almeno 16 persone sarebbero morte nell'incendio di un bus ungherese che ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone sulla A4, vicino allo svincolo di Verona Est.

A bordo del pullman c'erano una cinquantina di studenti di un liceo di Budapest in gita, nati tra il 1999 e il 2001. Lo ha reso noto un portavoce del ministero degli Esteri ungherese. "La situazione è grave", ha detto ancora Tamas Menczer.

"Non risultano altri veicoli coinvolti nell'incidente quindi dobbiamo ritenere che si sia trattato di un fuoriuscita di strada autonoma. Ora gli specialisti della polizia stradale e della polizia scientifica del gabinetto regionale di Padova stanno ultimando gli accertamenti di rito coordinati dalla procura di Verona", ha detto all'Adnkronos Girolamo Lacquaniti, dirigente della polizia stradale di Verona.

Il pullman stava tornando in Ungheria dalla Francia. Dei 39 feriti, 2 versano in condizioni particolarmente serie e 13 ragazzi invece sono riusciti a saltare fuori dal mezzo prima che si incendiasse. Sulle cause dell'incidente le ipotesi al vaglio sono diverse dal malore del conducente, al colpo di sonno o il guasto meccanico. I genitori dei ragazzi stanno arrivando dall'Ungheria e il console generale ungherese di Venezia si è messo a disposizione delle famiglie dando il supporto necessario.

"Chi era seduto nella parte posteriore del pullman si è salvata rompendo i vetri e uscendo. Un professore di educazione fisica ha salvato molti di quelli che erano a bordo rientrando nel mezzo. È ricoverato con ustioni sulla schiena", ha spiegato il console generale d'Ungheria, Judit Timaffy, arrivata da Milano a Verona nella notte. Il console sta seguendo le condizioni dei feriti ricoverati negli ospedali veronesi, ed è sul posto per accogliere i genitori dei ragazzi, già partiti dall'Ungheria.

"Profonda tristezza e commozione" sono espresse dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio di cordoglio al presidente ungherese Janos Ader. "Ho appreso -scrive Mattarella- con profonda tristezza e commozione del tragico incidente stradale avvenuto oggi nei pressi di Verona, nel quale hanno perso la vita numerosi giovani ungheresi e molti altri sono rimasti feriti. In questo momento di dolore - e nell'assicurarle il massimo impegno e la più ampia disponibilità di tutte le autorità coinvolte nelle operazioni di soccorso - porgo a Lei, alle famiglie delle vittime e all'amico popolo ungherese, a nome di tutti gli italiani e mio personale, il più sincero cordoglio, unito all'auspicio di un pronto ristabilimento dei feriti".

 

 

Fonte: Adnkronos

 

 

Pubblicato il 21/01/2017


Condividi con

COMMENTI
Nessun commento presente