Quotidiano Giovani - Tutta un'altra storia

Logo del Quotidiano Giovani
Salute E Scienza

Fumo: aumento peso fino a 5 kg in 1 anno dopo ultima sigaretta

Immagine dell'articolo

Abbandonare il fumo è una scelta sana, ma occhio alla bilancia. Il rischio è un aumento medio di peso compreso tra i 4 e i 5 chili entro i 12 mesi successivi all'ultima sigaretta. Il tutto però varia da persona a persona.

di Oriana Davini

 

Abbandonare il vizio del fumo è sicuramente una scelta sana: ma occhio alla bilancia. Il rischio, infatti, è un aumento medio di peso compreso tra i 4 e i 5 chili entro i 12 mesi successivi all'ultima sigaretta. Poco male per chi non ha problemi di taglia, una tragedia per chi invece lotta da sempre contro i chili in eccesso.

A confermare questa tendenza, che molti ex fumatori hanno già verificato sulla propria pelle, è una nuova ricerca condotta da un team di esperti francesi e britannici e pubblicata sul “British Medical Journal': dopo aver preso in esame e analizzato 62 studi già condotti sulla materia, la conclusione è che i primi tre mesi dopo aver detto addio alla sigaretta sono i più critici. Il che significa che è in questo lasso di 90 giorni che la probabilità di ingrassare si fa più alta: in particolare, dicono i medici, solitamente l'aumento ponderale è di 1,1 chilo nel primo mese, 2,3 nel secondo e 2,9 nel terzo. Da qui si prosegue arrivando a pesare 4,2 chili in più nel sesto mese e 4,7 dopo un anno di astensione dal fumo. La notizia è proprio questa: che smettere di fumare faccia ingrassare era già noto alla comunità scientifica, ma fino a ieri si riteneva che l'aumento fosse di 2-3 chili al massimo senza alcuna precisazione in termini di tempo. Dopo la pubblicazione del nuovo studio, invece, le proporzioni cambiano.

È vero però che, come in molti casi, la situazione cambia a seconda delle persone: secondo uno degli autori dello studio, il professore di psichiatria Henri-Jean Aubin di Parigi, dopo un anno ci possono essere ex fumatori ingrassati di oltre 10chili e altri che sono invece dimagriti. Fare una previsione, insomma, è impossibile e il rischio è che, pur di non ingrassare, alcuni fumatori, soprattutto donne, siano meno spronati a smettere il vizio.

Rimane comunque certo, ribadiscono gli autori dello studio che ha analizzato i dati raccolti tra il 1989 e il 2011 in Europa, Stati Uniti, Asia e Australia, che i benefici derivanti dall'addio alla nicotina sono maggiori rispetto ai rischi connessi con i chili in più. Secondo il professore Aubin, infatti, smettere di fumare intorno ai 40 anni farebbe guadagnare 9 anni vita. Una conferma che arriva anche dai dati registrati dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità): il fumo è la principale causa di morte precoce, falciando ogni anno 5,1 milioni di vittime nel mondo. In confronto, cosa sono 4 chili in più?



COMMENTI
Nessun commento presente