Quotidiano Giovani - Tutta un'altra storia

Quello Che Devi Sapere
Immagine dell'articolo

Rottamazione cartelle bis

Immagine dell'articolo

Nuova edizione della sanatoria per le cartelle esattoriali

Il Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio è in esame al Senato e prevede tra le varie misure la rottamazione bis delle cartelle esattoriali. 

 Può accedere alla rottamazione bis delle cartelle:

  • chi presenta domanda per la prima volta  per i carichi affidati all’Agente della Riscossione dal 1 gennaio 2017 al 30 dicembre 2017,
  • chi aveva presentato domanda per la prima rottamazione ma non aveva pagato una o delle 2 prime rate (con scadenza 31 luglio e 2 ottobre),
  • chi era stato escluso perché non in regola con il pagamento delle rate, in scadenza al 31 dicembre 2016.                      
Con la nuova sanatoria si pagano solo gli importi delle cartelle esattoriali, ma anche gli interessi, i titoli di aggio della riscossione, le spese di notifica e di rimborso. Non si pagano gli interessi di mora e sanzioni. Sulle multe stradali non si pagano gli interessi di mora e le maggiorazioni.
  • Le cartelle previste dalla nuova sanatoria sono quelle riguardanti:

    • le imposte (Iva compresa),
    • i tributi,
    • le prestazioni assistenziali e previdenziali,
    • le multe
    • le imposte di Comuni, Province e Regioni (Imu, Tari)

    affidati all’agente di riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017. Con l’adesione alla rottamazione l’agente della riscossione non può più avviare nuove azioni amministrative.

    Sono esclusi i carichi pendenti relativi all’Iva riscossa all’importazione, le multe, ammende e sanzioni pecuniarie a seguito di sentenze penali di condanna, crediti derivanti di pronunce di condanna della Corte dei Conti.


Quello Che Devi Sapere | di Marika Rusi | 23/10/2017


Condividi con

COMMENTI
Nessun commento presente