Quotidiano Giovani - Tutta un'altra storia

Primo piano
Immagine dell'articolo

Mattarella dice no al Governo 5 Stelle Lega

Immagine dell'articolo

Di Maio e Salvini non ci stanno gridano al complotto

Dopo il rifiuto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di accogliere la richiesta del Presidente del consiglio incaricato, Il professor Conte, di confermare la lista dei Ministri per la prossima legislatura, in particolare dopo il veto di Mattarella di confermare la nomina per il Ministro dell'economia proposto, il professor Savona, a causa di una sua visione critica nei confronti dell'euro e dei rapporti esistenti con l' Europa, c'è la fumata nera.

Le reazioni da parte del M5S e Lega sono a dir poco di delusione e rabbia per aver sprecato l'occasione di dare all'Italia un governo di cambiamento, formato da gente onesta e competente e di realizzare il programma di governo che gli Italiani avevano votato

Si grida a una grave violazione della democrazia, a una Italia svenduta ai poteri forti e schiava dell'europa o meglio dei potentati europei 

Il problema è che Savona aveva in passato espresso delle critiche nei confronti dell'europa, una opinione serie e legittima per la quale ha pagato caro! Questo da parte di Lega e M5S è inacettabile e incostituzionale, solo un regime può imbavagliare un governo e questa è una chiara picconata alla Democrazia

Ora Mattarella ha dato incarico a Cottarelli, un tecnico, non politico per formare il governo del Presidente, che comunque non ha e non avrà mai i voti del Parlamento e allora tireremo a campare fino a prossime elezioni abbassando così la china all'Europa 

Il ruolo di arbitro del Presidente della repubblica non è stato neutrale ma la sua azione è stata politica, ingerendo sugli indirizi politici che il governo Lega e M5S, l'unico possibile perchè votato dagli italiani che gli hanno dato la maggioranza, ribaltando con un colpo di reni la situazione dando l'incarico ad un uomo politico gradito solo a il PD, che ha perso le elezioni, e all'europa

Di Maio intervistato dalla D'Urso ha affermato che ora la più grande battaglia è affermare la democrazia e chiede quindi di dargli fiducia alle prossime elezioni 

Salvini, sempre dalla d'Urso, ha affermato che è saltata l'occasione di formare il governo non per il rifiuto su un nome ma perchè dietro quel nome c'era l'idea che gli Italiani avevano votato, quella  che alcune regole Europee vanno cambiate perchè non fanno bene all'Itala e agli Italiani, "io non potevo tradire il mandato degli italiani per il comodo di poteri forti" 

 

Primo piano | di Marika Rusi | 28/05/2018


Condividi con

COMMENTI
Nessun commento presente